LAUNCHING OF KRIEGSMARINE CRUISER PRINZ EUGENE 1938 (DOCUMENTARI D'EPOCA) LAUNCHING OF KRIEGSMARINE CRUISER PRINZ EUGENE 1938 (DOCUMENTARI D'EPOCA)

LAUNCHING OF KRIEGSMARINE CRUISER PRINZ EUGENE 1938 (DOCU...

1 month
8 Views
Want to watch this again later?
Sign in to add this video to a playlist. Login
0 0
Category:
Description:
LAUNCHING OF KRIEGSMARINE CRUISER PRINZ EUGENE 1938 (DOCUMENTARI D'EPOCA)

DOCUMENTARIO DEL CANALE YOUTUBE PERISCOPEFILM https://www.youtube.com/user/supplysargent/featured

Questo cinegiornale tedesco mostra il varo del Prinz Eugen, un incrociatore pesante di classe Admiral Hipper ingrandito che prestò servizio con la Kriegsmarine tedesca durante la seconda guerra mondiale. Si vede l'intero processo di varo, con gruppi di lavoratori che spostano i blocchi tenendo lo scafo in posizione sulle vie. Adolph Hitler e i ministri partecipano alla cerimonia di battesimo e possono essere visti al minuto 10.45 circa. La maggior parte della sovrastruttura e delle armi per la nave saranno installate dopo il varo.

La nave prese il nome dal principe Eugenio di Savoia ed era la terza nave degli incrociatori pesanti di classe Hipper. Come le sue navi gemelle, l'ammiraglio Hipper e Blücher, fu costruita a metà degli anni '30. Durante la fase di progettazione, era conosciuta come "Kreuzer J" (Cruiser J). La sua chiglia fu posata presso il cantiere navale Krupp Germania a Kiel il 23 aprile 1936 e il suo costo totale sarebbe stato di 104,5 milioni di Reichsmark. La Prinz Eugen fu varata il 22 agosto 1938 e messa in servizio il 1 agosto 1940. Considerata una "nave fortunata", sopravvisse fino alla fine della guerra, sebbene partecipò solo a due grandi azioni in mare. La nave affondò in seguito all'operazione Crossroads nell'atollo di Kwajalein nel 1946 e il suo scafo capovolto rimane arenato nelle vicinanze.

La Prinz Eugen vide l'azione durante l'operazione Rheinübung, un tentativo di evasione nell'Oceano Atlantico con la corazzata Bismarck nel maggio 1941. Le due navi distrussero l'incrociatore da battaglia britannico Hood e danneggiarono gravemente la corazzata Prince of Wales nella battaglia dello Stretto di Danimarca. Il Prinz Eugen fu distaccato da Bismarck durante l'operazione per fare irruzione nelle navi mercantili alleate, ma questa fu interrotta a causa di problemi al motore. Dopo essere entrata nella Francia occupata e aver subito riparazioni, la nave ha partecipato all'operazione Cerberus, un'audace corsa diurna attraverso il Canale della Manica per tornare in Germania. Nel febbraio 1942, Prinz Eugen fu schierata in Norvegia, anche se il suo tempo di stanza lì fu ridotto quando fu silurata dal sottomarino britannico Trident pochi giorni dopo l'arrivo nelle acque norvegesi. Il siluro danneggiò gravemente la poppa della nave, che rese necessarie riparazioni in Germania.

Al ritorno in servizio attivo, la nave trascorse diversi mesi ad addestrare cadetti ufficiali nel Baltico prima di servire come supporto di artiglieria per l'esercito tedesco in ritirata sul fronte orientale. Dopo il crollo della Germania nel maggio 1945, fu ceduta alla Royal Navy britannica prima di essere trasferita alla Marina degli Stati Uniti come premio di guerra. Dopo aver esaminato la nave negli Stati Uniti, la Marina degli Stati Uniti assegnò l'incrociatore ai test nucleari dell'Operazione Crossroads nell'atollo di Bikini. Sopravvissuta alle esplosioni atomiche, la Prinz Eugen fu rimorchiata nell'atollo di Kwajalein, dove alla fine si capovolse e affondò nel dicembre 1946. Il relitto rimane parzialmente visibile sopra l'acqua a circa due miglia a nord-ovest del Bucholz Army Airfield, ai margini di Enubuj. Una delle sue eliche a vite è stata recuperata ed è esposta al Laboe Naval Memorial in Germania.

L'armamento principale della nave era costituito da otto cannoni SK L/60 da 20,3 cm (8,0 pollici) montati in quattro torrette gemelle, posizionati in coppie superfire a prua ea poppa.[a] La sua batteria antiaerea consisteva di dodici L/10,5 cm (4,1 pollici) 65 cannoni, dodici cannoni da 3,7 cm (1,5 pollici) e otto cannoni da 2 cm (0,79 pollici). La nave trasportava anche una coppia di tripli lanciasiluri da 53,3 cm (21,0 pollici) al fianco della sovrastruttura posteriore. Per la ricognizione aerea, era equipaggiata con tre idrovolanti Arado Ar 196 e una catapulta. La cintura corazzata del Prinz Eugen‍  aveva uno spessore compreso tra 70 e 80 mm (da 2,8 a 3,1 pollici); il suo ponte superiore era spesso da 12 a 30 mm (da 0,47 a 1,18 pollici) e il suo ponte corazzato principale aveva uno spessore da 20 a 50 mm (da 0,79 a 1,97 pollici). Le torrette della batteria principale avevano facce spesse 105 mm (4,1 pollici) e lati spessi 70 mm.

❗️I NOSTRI SOCIAL ❗️

VK : https://vk.com/club198902797

BLOG WEBNOTE : https://la-bocca-della-verita.webnode.it/

GRUPPO TELEGRAM :
@LaBoccaDellaVeritaGruppo

CANALE TELEGRAM :
@LaBoccaDellaVeritaCanale

RUMBLE : https://rumble.com/c/c-721153

SHARKTUBE.INFO : https://sharktube.info/channel/LaBoccaDellaVerit

YOUTUBE PLAY LIST PER VIDEO INTERESSANTI DEI CANALI CHE SEGUIAMO : https://youtube.com/channel/UC5nNwlbSPqHnG49Lsg53WJQ

EMAIL :
laboccadellaveritaroma@gmail.com

Comments:

Comment